Menù
Sciara, la terra del pistacchio
Menù

Il Cibus di Parma è una delle più importanti fiere del settore alimentare in Italia e attira ogni anno migliaia di visitatori professionali provenienti da tutto il mondo. Si tratta di un evento B2B imperdibile per gli operatori del settore come Ho.Re.Ca, GDO e Food Service.

Potrete trovarci al Padiglione 8, stand A024, all'interno della Collettiva Regione Siciliana. Saremo presenti con i nostri prodotti di punta, come le creme spalmabili, i pesti, la frutta secca, le basi per gelato, i dolci siciliani e tante altre specialità realizzate con i migliori pistacchi del mondo.

Vi aspettiamo dal 7 al 9 Maggio dalle 9:30 alle 18:00 e il 10 Maggio dalle 9:30 alle 15:00. Potrete raggiungere facilmente la fiera in auto, uscita Parma Centro della A1 o in treno, grazie al servizio di navetta gratuito dalla stazione FS di Parma.

Sciara dal 2011 è sinonimo di eccellenza artigianale e di un legame indissolubile con il territorio di Bronte, patria del Pistacchio Siciliano. Ogni nostro prodotto è realizzato senza compromessi sulla qualità, preservando tutte le proprietà organolettiche e nutrizionali degli ingredienti utilizzati. Non perdete l'occasione di conoscere da vicino la nostra realtà e di degustare le nostre specialità.

Vi aspettiamo al Cibus 2024!

La creazione di una Colomba al Pistacchio Gluten-Free rappresenta una sfida significativa nel mondo della pasticceria, soprattutto quando l'obiettivo è mantenere la qualità e il gusto autentico di questo tradizionale dolce pasquale italiano. Sciara ha intrapreso questo percorso, impegnandosi a sviluppare una variante senza glutine che rispettasse la tradizione pur essendo accessibile anche ai soggetti celiaci.

Sfide e Soluzioni nella Produzione della Colomba Gluten-Free

Selezione degli Ingredienti: La scelta di sostituire la tradizionale farina di grano con farina di riso è stata fondamentale. La farina di riso, nota per le sue proprietà neutre e la sua capacità di creare impasti soffici, è stata arricchita con Pasta pura di Pistacchio per garantire il gusto caratteristico del dolce.

Tecnica di Lavorazione. Adattare le tecniche di lavorazione per compensare l'assenza di glutine ha richiesto un attento studio. Il glutine, infatti, gioca un ruolo cruciale nella struttura e nella consistenza dei dolci lievitati, contribuendo alla loro elasticità e morbidezza. Per mantenere una consistenza soffice, è stato necessario rivedere tempi e modalità di lievitazione, assicurando così che la Colomba senza glutine conservasse la leggerezza desiderata.

Copertura e Farcitura. La decisione di includere una copertura di cioccolato bianco e di offrire la Crema di Pistacchio e il Tritato di Pistacchio a parte è una scelta sia estetica che funzionale. Questi elementi aggiuntivi permettono, infatti, non solo di arricchire il gusto della Colomba senza glutine, ma anche di personalizzare ogni fetta, rendendo il dolce ancora più invitante e soddisfacente.

Colomba al pistacchio Gluten Free di Sciara con granella di pistacchio sopra e vasetto di crema a lato.

Impatto sul Gusto e sulla Consistenza. Grazie a queste scelte mirate, la Colomba al Pistacchio Gluten-Free di Sciara riesce a offrire un'esperienza gustativa ricca e pienamente soddisfacente, simile a quella delle sue controparti tradizionali. La Pasta pura di Pistacchio assicura l'intensità del sapore, mentre la farina di riso garantisce una consistenza piacevolmente soffice e ariosa, sfidando le comuni aspettative associate ai prodotti senza glutine.

In conclusione, la realizzazione della Colomba al Pistacchio senza glutine Sciara ha richiesto un'approfondita conoscenza delle materie prime e tutta l’abilità dei nostri maestri artigiani. Sciara, attraverso un impegno nella ricerca e nello sviluppo, ha saputo creare un dolce pasquale che coniuga tradizione e innovazione, offrendo una valida alternativa per chi desidera gustare sapori autentici senza dover rinunciare alle proprie esigenze dietetiche.

Sei alla ricerca di una Colomba pasquale che stupisca? Che non passi inosservata come regalo o come prezioso fine pasto? Scopri come la tradizione siciliana e l'alta artigianalità si uniscono per creare la Colomba al Pistacchio siciliana, da qualche anno diventato il dolce pasquale siciliano più apprezzato, in Italia e all'estero!
In questo articolo, esploreremo le tecniche e gli ingredienti che definiscono l'eccezionale qualità delle Colombe al Pistacchio artigianali. Immergiti nella cultura siciliana attraverso un dolce pasquale che celebra il gusto autentico e la passione per la pasticceria di alta qualità. Questo articolo si concentra sulla Colomba al Pistacchio classica. Pubblicheremo poi un articolo con focus specifico sulla variante senza glutine che Sciara da sempre ha fortemente voluto, per permettere un'esperienza gustativa inclusiva per tutti.

Ingredienti di prima qualità: il cuore di una buona Colomba artigianale

La selezione degli ingredienti di qualità è fondamentale per poter realizzare un'ottima Colomba artigianale.
La farina è alla base di tutto, una farina di alta qualità assicura una maggiore capacità di assorbimento dei liquidi, fondamentale per ottenere un impasto soffice e ben alveolato. Solitamente si utilizza una farina professionale per pasticceria specificatamente pensata per i grandi lievitati, con elevate doti di forza e stabilità. Il burro, poi, è l'architetto del sapore e della morbidezza della Colomba. La sua origine artigianale influenza direttamente il profumo e la bontà del prodotto finito. Il tuorlo d'uovo, ricco di grassi e lecitina, contribuisce alla ricchezza del gusto e alla conservazione della freschezza. Il lievito naturale, estratto dal frumento, non è solo un agente lievitante, ma, quando di qualità, diventa anch'esso un creatore di aroma complesso e profondità di sapore. Infine il miele, con le sue note floreali, arricchisce il profilo aromatico del dolce e aiuta a mantenere la Colomba umida e morbida, contribuendo alla consistenza desiderata.
Una buona Colomba artigianale, infine, non deve assolutamente contenere conservanti o coloranti.

colomba al pistacchio artigianale siciliana. La formazione dei panetti di pasta

La glassa della Colomba: la firma di un capolavoro

La Colomba al Pistacchio si presta a una varietà di finiture che ne esaltano il gusto e l'estetica. Che si tratti di una glassa al pistacchio o di coperture in cioccolato bianco o fondente, impreziosite dalla granella di pistacchio, ogni variante apporta un'interessante contrapposizione di consistenze che rende ogni assaggio memorabile. L'incontro tra la morbidezza dell'impasto lievitato e la consistenza della copertura crea un contrasto sorprendente al palato, un dialogo tra diverse texture che invita a esplorare con curiosità e piacere ogni boccone. Queste finiture, quindi, trascendono la loro funzione decorativa per diventare elementi fondamentali dell'esperienza complessiva, offrendo una complessità gustativa che coinvolge tutti i sensi e rende la degustazione della Colomba al Pistacchio Siciliana un momento di puro godimento.

colomba al pistacchio artigianale siciliana. La copertura con la granella di pistacchio

La crema al Pistacchio e le due scuole di pensiero

Immancabile nella Colomba al Pistacchio Siciliana è la crema al pistacchio. Ma questa è anche un elemento di distinzione tra due scuole di pensiero. Alcuni preferiscono incorporarla direttamente nell'impasto, altri la offrono a parte per un'esperienza più personalizzabile. Ogni approccio ha i suoi vantaggi distintivi, rendendo la degustazione unica e adattabile ai gusti di ciascuno. Da un lato la crema direttamente nel dolce può risultare più comoda, anche se obbliga all’utilizzo di formulazioni idrate, perlopiù a base alcolica, per evitare che l’impasto del dolce risulti troppo asciutto. Dall’altro la crema da spalmare a parte permette a ciascuno di decidere quanto e come gustarla, consente di esplorare diverse modalità di consumo, sia spalmandola sulle singole fette che mettendola a lato nel piatto per poi intingere i bocconi. Infine offre un piccolo momento di giocosità, che in una giornata di festa non guasta mai!

I vantaggi della lavorazione artigianale nella Colomba siciliana

I vantaggi di una lavorazione artigianale, rispetto a quella industriale non si fermano solo nell’utilizzo di ingredienti di qualità.
La prima cosa che rende preziose queste creazioni è la loro unicità. Ogni Colomba artigianale è unica. La manualità del processo produttivo conferisce piccole caratteristiche speciali ad ogni pezzo, che varia leggermente per forma, colore e sapore.
Un altro punto di forza è la doppia lievitazione naturale. La lavorazione artigianale include il processo di lievitazione naturale. Spesso si utilizza il lievito madre, come facciamo noi di Sciara, che migliora sia la digeribilità del prodotto sia il suo profilo aromatico. Infine l’importanza della tradizione e della territorialità.  La maestria dei nostri maestri pasticceri nel maneggiare tecniche tradizionali della scuola siciliana, tramandate da generazioni, aggiunge un valore inestimabile al prodotto.

Produzione della colomba al pistacchio artigianale siciliana. La levitazione naturale

Che differenza c'è tra il Panettone e la Colomba?

Panettone e Colomba sono due pilastri della tradizione dolciaria italiana, legati rispettivamente al Natale e alla Pasqua. Sebbene abbiano alla base lo stesso impasto, la diversa forma tra Panettone e Colomba influisce significativamente sulla texture e, di conseguenza, sull'esperienza gustativa di questi due dolci tradizionali italiani. La forma più uniforme e alta del Panettone, con una lievitazione che tende verso l'alto, crea un un impasto più alveolato e arioso. La Colomba, d'altra parte, con la sua forma più piatta e allargata, di colomba in volo, tende ad avere una struttura meno alveolata e fette con una superficie ridotta, che possono risultare leggermente più compatte.
La superficie ridotta delle fette nella Colomba al Pistacchio Siciliana, soprattutto quella con crema da spalmare a parte, permette a ogni boccone di concentrare una più ricca varietà di sapori intensi.

Perché Scegliere la Colomba al Pistacchio siciliana

Scegliere una Colomba al Pistacchio siciliana significa scegliere un dolce che valorizza l'artigianalità dei dolci italiani, realizzato con ingredienti di qualità superiore. Ogni Colomba è un tributo alla tradizione pasquale, un'esperienza gustativa che porta sulla tua tavola il meglio della pasticceria artigianale siciliana.

La Colomba al Pistacchio artigianale non è solo un dolce, ma è un simbolo di festa, di rinascita e di condivisione. È il modo perfetto per celebrare la Pasqua, condividendo con amici e familiari un prodotto unico, che parla la lingua dell'amore e della passione per la pasticceria di qualità.

Dove acquistare la Colomba al Pistacchio

Per chi è alla ricerca della Colomba al Pistacchio siciliana, Bronte rappresenta una destinazione imperdibile. Questa città, cuore pulsante della tradizione siciliana del pistacchio, ospita numerosi negozi specializzati dove si possono scoprire le vere delizie al pistacchio, tra cui la nostra boutique Sciara in Via Messina 192. Con la crescente popolarità, la Colomba al Pistacchio ha varcato i confini locali, diventando facilmente reperibile in tutta Italia presso empori gastronomici di alta qualità. Per chi predilige la comodità dello shopping da casa, numerosi sono gli shop online dedicati ai prodotti artigianali siciliani. Tra i primi e più longevi, dal 2016, c'è il nostro shop.sciarapistacchio.com, dove la tradizione del pistacchio incontra l'innovazione per offrire esperienze gustative senza pari.

Colomba al pistacchio artigianale siciliana con crema di pistacchio da spalmare a parte e scatola sciara sullo sfondo

Dal 3 al 5 Febbraio si svolgerà a Firenze, presso la Fortezza da Basso, la 17ª edizione di Taste.

Creato da Pitti Immagine, lo stesso organizzatore di Pitti Uomo e di tante altre manifestazione di lifestyle e design, il Taste rappresenta ad oggi il salone di riferimento della cultura contemporanea del cibo.

Nel 2024 sono 640 circa le aziende partecipanti, che rappresentano l'eccellenza enogastronomica Italiana, e oltre 100 i nuovi nomi che debuttano in questa edizione.

Sciara sarà presente per la 3ª volta all’evento con le proprie specialità artigianali al Pistacchio. Saremo al Padiglione Cavaniglia, stand Y/31.

Per i nostri visitatori sarà un’occasione unica per provare dal vivo i prodotti Sciara e scoprire tutte le novità delle prossime stagioni.

Colombe artigianali e Uova di Pasqua, ma anche le Basi per gelato, le Creme spalmabili adatte a tutte le esigenze e i Pesti a base di frutta secca.

Tanti saranno, infatti, i prodotti Sciara presentati all’evento, tra cui le nostre specialità gluten free, senza latte e senza zucchero.

COLORS ARE SERVED è il tema di Taste 2024.

I colori, infatti, sono cibo per gli occhi. Rosso, blu, giallo, verde: ognuno di loro stimola gioia, convivialità, ricordi.

E quale colore rappresenta al meglio Sciara e i suoi prodotti se non il verde!

Il verde che richiama il Pistacchio, l’”Oro verde”, e le numerose creazioni artigianali che dal 2011 realizziamo con questo prezioso ingrediente.

Taste è aperto sia al pubblico generico che ai professionisti del settore Ho.Re.Ca.

Nei tre giorni della manifestazione l'orario di apertura per i professionisti e operatori del settore sarà 9.30 -18.30, mentre il pubblico di appassionati potrà entrare il sabato e la domenica con orario 14.30-18.30 e il lunedì tutto il giorno.

Per accedere alla manifestazione è necessario essere registrati online, avere acquistato in anticipo il proprio biglietto di ingresso digitale o acquistare il biglietto all'arrivo in fiera, mostrare all’ingresso il proprio biglietto insieme ad un documento di identità.

Si avvicina il periodo più magico dell’anno e si comincia a pensare agli addobbi, ai regali e al menu di Natale! E cosa non può mancare nel menù di Natale? Naturalmente il Panettone! Se poi il vostro gusto preferito è il Pistacchio, ecco una breve guida per riuscire a capire quali sono i migliori Panettoni al Pistacchio, nella giungla di offerte che vi si presentano davanti. Al di là dei gusti personali, infatti, ci sono alcune caratteristiche che il miglior Panettone al Pistacchio deve assolutamente avere.

Se avete la possibilità di recarvi di persona presso i vari produttori o rivenditori, l’ideale sarebbe sicuramente assaggiare i vari Panettoni per trovare il più adatto alle vostre esigenze. Ma online è tutta un’altra storia. Per trovare il miglior Panettone al Pistacchio dovrete analizzare alcuni aspetti importantissimi.

Occhio alla data di scadenza

Se cercate un Panettone artigianale, innanzitutto questo non potrà avere una scadenza superiore ai 3 mesi. Ciò, infatti, significherebbe che nella produzione del Panettone sono stati utilizzati conservanti o altri additivi che ne possano prolungare la durata.

panettone artigianale al pistacchio di Sciara, Bronte

Il colore naturale del pistacchio

Nella ricerca del miglior Panettone al Pistacchio online, inoltre, fate attenzione alle immagini del prodotto. Un colore verde troppo acceso, ad esempio, è sintomo di utilizzo di coloranti. Il Pistacchio, infatti, ha per natura un colore che tende al verde/marrone chiaro e non certo al verde fluo.
Quando, perciò, trovate immagini di Panettoni con una glassa di copertura marcatamente verde o con una Crema di Pistacchio dal colore troppo acceso, prestate attenzione e leggete bene la lista degli ingredienti, che sui siti DEVE sempre essere riportata!

La crema di farcitura a parte

Tra la vasta offerta di Panettoni, per trovare il miglior Panettone al Pistacchio consigliamo, inoltre, di cercare un Panettone che non sia già farcito, ma che abbia la Crema per la farcitura a parte. In questo modo, infatti, potrete dosare a piacimento la Crema su ogni fetta e avrete la certezza di un prodotto senza conservanti né alcol.

panettone al pistacchio e arancia candita di Sciara, Bronte

Il lievito madre e le materie prime

Ciò che fa di un prodotto il miglior Panettone al Pistacchio è anche sicuramente il lievito madre, cioè l’agente lievitante naturale utilizzato per la produzione del Panettone. Solo questo, infatti, è in grado di donare al Panettone un gusto e una sofficità davvero unici.
Fondamentali per avere un buon Panettone sono le materie prime. Attenzione, quindi, alla percentuale di Pistacchio utilizzato, sia nel Panettone che nella Crema, al tipo di uova o di burro, indispensabili per la produzione di un ottimo prodotto artigianale.

Il giudizio di chi l’ha già provato

Infine prestate attenzione a cosa si dice in giro… leggete cioè le varie recensioni, sul prodotto ma anche sull’azienda in generale. Fate attenzione alla data delle recensioni e al numero di valutazioni che hanno ricevuto nel tempo sia il prodotto che l’azienda.
In questo modo, anche nel caso non possiate andare di persona ad assaggiare il prodotto, avrete comunque la possibilità di farvi un’idea ben precisa di ciò che andrete ad acquistare.
Scegliete un prodotto artigianale e il vostro palato vi ringrazierà!

Girando per i negozi o tra i banchi di una fiera agroalimentare potreste notare che creme al pistacchio di produttori differenti hanno colori molto diversi tra loro, anche quando sono ottenute con la stessa varietà di pistacchio. Una crema può essere di un verde che tende al marroncino, un’altra di un bel verde vivo e brillante, una terza quasi oro invecchiato. Bene, non ci crederete, ma il colore è un ottimo indice per capire quanto una crema al pistacchio sia naturale e adatta al vostro gusto.

Dovete infatti sapere che tutte le creme al pistacchio partono da una base chiamata pasta pura di pistacchio. Questa pasta pura si ottiene tostando lievemente i pistacchi e quindi macinandoli finemente fino ad  avere una pasta cremosa dal gusto intenso. Il colore che ne risulta è un verde che tende al marrone chiaro. Per darvi un’idea abbiamo messo qui sotto una foto della nostra pasta pura.

Anche la pasta pura di pistacchio può essere acquistata ed è utilizzata per creazioni di pasticceria come torte, gelati, macaron, creme,..  noi la indichiamo col nome di “crema 100% pistacchio Sciara” quando è in formato casalingo da 90g o 190g e col nome di “base per gelato al pistacchio Sciara” nelle confezioni più grandi destinate ai professionisti.

Ma torniamo al colore della crema al pistacchio. Abbiamo visto che la pasta pura di pistacchio è di un colore verde che tende al marroncino e questa tonalità cambierà in base alla diluizione ed al metodo di preparazione della crema. Lo stesso concetto vale anche per i gelati, i liquori e tutti gli altri preparati a base di pistacchio sul mercato.

Aggiornamento al 11/12/2023.

Risalgono a circa mezzo milione di anni fa nella zona ionica della Sicilia, nell’immenso golfo che si estendeva tra i Peloritani e gli Iblei, le prime manifestazioni eruttive dell’Etna (il Mons-Gebel, “la montagna per eccellenza” degli arabi), di cui si conserva testimonianza nella zona di Aci Castello, Aci Trezza e Ficarazzi. L’universo vegetale dell’Etna si presenta caratterizzato da un insieme di fattori tra i quali ha un ruolo predominante la natura vulcanica della montagna. La flora del Parco, estremamente varia e ricca, condiziona il paesaggio offrendo continui e repentini mutamenti.
Il 14 agosto del 1987 venne costituito l’Ente Parco dell’Etna, primo parco a essere istituito in Sicilia.
L'Etna rappresenta un elemento fondamentale del territorio di Bronte, definendone morfologia e colori tipici.
Ciò che colpisce di questa parte della Sicilia, infatti, è il colore scuro del terreno e della pietra con la quale venivano un tempo realizzati gli edifici del luogo e che ancora oggi è elemento caratterizzante dell'artigianato locale.

Stando alla storia, intorno al VIII a.C., Siculi e Sicani furono i primi abitatori della zona, mentre nel IX secolo d.C. l'isola venne occupata dagli Arabi, di cui maggior importanza ha ancora oggi per l’economia brontese l’introduzione della pianta del pistacchio.
L’atto di costituzione del Comune di Bronte, invece, è datato 1535, quando Carlo V riunì i 24 casali esistenti in un’unica entità territoriale che denominò, appunto, “Bronte”. Durante la dominazione borbonica, due furono gli avvenimenti di grande rilievo: nell’ottobre del 1778 veniva ultimata la costruzione del Collegio Capizzi, uno dei centri culturali più vivi di tutta l’Isola; il 20 gennaio 1800 il re di Napoli Ferdinando I donava l’Abbazia di Maniace all’ammiraglio inglese Orazio Nelson, nominandolo “Duca di Bronte”, quale ricompensa per l’aiuto ricevuto nel corso della rivolta della Repubblica Partenopea.
Fu proprio la presenza degli eredi dell’ammiraglio inglese una delle cause dell’inasprimento delle tensioni sociali che sfociarono nei tristemente famosi Fatti di Bronte del 1860.
Oggi il paese conta circa 20.000 abitanti ed è uno dei centri economicamente più attivi della zona.
L'economia locale si basa su un vivace tessuto imprenditoriale, ma è caratterizzata anche dall'impronta agricola e dall'indotto derivato dalla coltivazione del Pistacchio.

© 2023, Sciara S.r.l. (cap. soc. €80.000,00 i.v.) - Viale Cavalieri di Vittorio Veneto, 11 – 95034 Bronte (CT), Italy - Tel. 095 692643 | P.IVA IT05391710877
Privacy Policy  |  Cookies Policy